erbacee bulbose Hippeastrum
Hippeastrum

Hippeastrum, genere di 75 specie di piante bulbose, tropicali e subtropicali, appartenenti alla famiglia delle Amaryllidaceae, adatti alla coltivazione in ambiente protetto. Sono perfette come piante da appartamento, e se si opera con cura è possibile avere piante fiorite nella maggior parte dell’anno. Hanno bulbi molto grandi e foglie nastriformi, di colore verde più o meno scuro e fusti fioriferi che portano uno o più fiori grandi, imbutiformi.
I bulbi dei tipi a fioritura invernale e primaverile si piantano in settembre-ottobre e fioriscono da febbraio in poi, a seconda della temperatura alla quale sono stati coltivati. In tutti i casi la temperatura minima non deve scendere sotto i 13-16° C. le specie a fioritura estiva e autunnale si invasano all’inizio della primavera, e si fanno crescere alla stessa temperatura. Tutte hanno bisogno di annaffiature e concimazioni abbondanti prima della fioritura e di un periodo di riposo di 3 mesi.
I bulbi si piantano singolarmente in vasi da 12-15 cm, riempiti con una composta da vasi, ricoprendoli solo per metà. Si somministra un po’ d’acqua fin quando si noteranno dei segni di crescita alla cima del bulbo stesso. I boccioli floreali si formano prima delle foglie o anche subito dopo e a questo punto si aumentano le annaffiature. Nel periodo vegetativo si somministra settimanalmente del concime liquido diluito in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto. Le foglie continuano a svilupparsi dopo ola fioritura e necessitano di concimazioni e annaffiature fino quando cominceranno a mostrare segni di ingiallimento, e a quel punto non si bagnano più. Anche il bulbo e il terreno si tengono asciutti fino al momento della ripresa vegetativa. Non è necessario rinvasare ogni anno, ma è possibile sostituire la parte superiore del terriccio, appena prima della ripresa delle annaffiature.

Parassiti animali: Tripidi e il Ragnetto Rosso delle Serre provocano deformazioni e decolorazioni nei fiori e nelle foglie.

Hippeastrum x ackermannii: pianta di origine orticola, alta 50-60 cm. Si tratta di un ibrido di non recente costituzione, dai fiori rosso scuro, larghi 12-151 cm che sbocciano in inverno e in primavera.
Hippeastrum aulicum: pianta originaria del Brasile e Paraguay, alta 45 cm. Si tratta di una specie a fioritura invernale che produce 2, talvolta anche 3-4 fiori rossi, verdi alla base, lunghi 12-115 cm.
Hippeastrum candidum: pianta originaria dell’Argentina, alta 60-80 cm. Si tratta di una specie dai fiori penduli e profumati, bianchi, macchiati di giallo e di verde, lunghi 12-15 cm, che sbocciano in estate, contemporaneamente alla comparsa delle foglie.
Hippeastrum equestre: pianta originaria del Messico e America meridionale, alta 40-70 cm. Si tratta di una specie variabile, con foglie che compaiono dopo la fioritura e fiori larghi 10-12 cm, dalle diverse tonalità di rosso, che sbocciano in inverno e in primavera.
Hippeastrum reginae: pianta originaria del Messico, Perù e Brasile, alta 50 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie nastriformi molto lunghe, e dai fiori scarlatti, bianco-verdi all’interno, che sbocciano all’inizio dell’estate.
Hippeastrum reticulatum: pianta originaria del Brasile e Venezuela, alta 30-60 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie striate di bianco e fiori a striature rosa, lunghi 7 cm, che sbocciano in autunno. È una pianta che richiede temperature elevate.
Hippeastrum rutilum: pianta originaria del Brasile e Venezuela, alta 30 cm. Si tratta di una specie dai numerosi fiori in varie tonalità di rosso, striati di verde, lunghi 10 cm, che sbocciano in primavera.
Hippeastrum vittatum: pianta originaria del Perù, alta 80-90 cm. Si tratta di una specie dalle foglie lunghe 60 cm che compaiono dopo i fiori, bianchi striati di rosso, lunghi 12 cm che sbocciano in primavera.

IBRIDI
Gli Hippeastrum ibridi, alti 30-45 cm, hanno fiori a grandi petali, di vari colori: bianchi, rosa, rossi e arancio, talvolta striati. Producono 3-4 fiori portati da 1-2 fusti robusti. Fra le tante varietà si ricordano American Express, con fiori cremisi-scarlatto scuro; Bouquet, dai fiori rosa-salmone con macchie e striature scarlatte; Candy Cane, con fiori bianchi a sfumature o screziature cremisi; Nivalis, con fiori bianchi e gola sfumata di giallo; Prima Donna, con fiori cremisi e boccioli sfumati di bianco.


riproduzione: le specie tipiche si possono riprodurre per seme, a meno che si verifichi l’impollinazione incrociata. Si semina in marzo, in vassoi o cassette, distanziando i semi di 2,5 cm e coprendoli appena con una composta leggera, all’ombra e alla temperatura di 16-18° C fino all’inizio della germinazione. Le piantine si piantano al caldo e si annaffiano fino a quando sono abbastanza grandi da poter essere ripicchettate, singolarmente, in vasi da 8 cm. Si rinvasano quando le radici hanno riempito i contenitori, facendo in modo da tenere sempre umida la composta fino a dopo la prima fioritura che avviene dopo 3 anni dalla germinazione.
Si possono anche moltiplicare utilizzando i bulbilli che potranno essere divisi durante il periodo di riposo vegetativo, bulbilli che però sono prodotti in numero limitato.
esposizione:
fioritura: Invernale, primaverile, estiva e autunnale a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Cistus (Cisto)

Cistus (Cisto), genere di circa 20 specie di arbusti  sempreverdi, diffusi allo stato spontaneo nelle regioni mediterranee. Si tratta di piante molto ornamentali, con fiori semplici, simili a quelli delle rose selvatiche, ........

Celtis

Celtis, genere di 80 alberi e arbusti, diffusi nell'emisfero settentrionale e nell'Africa meridionale. La specie descritta è adatta in particolar modo per i viali alberati nelle città dal momento che resiste molto bene ai ........

Maurandia

Maurandia, genere di 10 specie di piante perenni, rampicanti o striscianti, sempreverdi, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Scrophulariaceae. Le specie descritte possono essere coltivate all’aperto ........

Calendula
Calendula: genere di 20-30 specie di piante erbacee o suffruticose, annuali. La specie descritta è quella che più comunemente viene coltivata, eccellente per bordure e per fiori da recidere. Può ........

Poligono (Polygonum)

Il Poligono (Polygonum), originaria di tutte le zone a clima temperato, è una erbacea che può essere perenne, annuale e anche rampicante, a seconda della specie, circa 150.
le foglie hanno ........

 

Ricetta del giorno
Banane flambées
Fare tostare per dieci minuti le mandorle in forno caldo e quindi tritarle minutamente. Dopo aver sbucciato le banane, tagliarle a metà nel senso della ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Myrtus (Mirto)

Myrtus (Mirto), genere di 100 specie di arbusti e, raramente, di piccoli alberi sempreverdi, delicati e semirustici, con foglie aromatiche. I fiori, solitari, appiattiti, bianchi, con 5 petali e stami, prominenti, sbocciano ........

Godetia (Godezia)

Godetia (Godezia), genere di 20 specie di piante erbacee annuali, rustiche. Le specie descritte sono piante da bordura molto diffuse, folte, con fiori semplici o doppi, molto colorati. Si possono coltivare anche in vaso ........

Corydalis
Corydalis, genere di 320 specie di piante perenni, rustiche, con foglie delicate, profondamente divise e fiori tubolosi, speronati. Le specie descritte sono adatte per i giardini rocciosi e alpini.
Si piantano ........

Crinum

Crinum, genere di più di 100 specie di piante bulbose, delicate. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle zone a clima mite. Nell'Italia settentrionale si coltivano in vaso, portando le piante al ........

Pyracantha (Piracanta)

Pyracantha (Piracanta), genere di 10 specie di arbusti sempreverdi, rustici, con rami spinosi e bacche di colori vivi, larghe circa 1 cm, che durano sulla pianta da settembre a marzo. Sono piante adatte anche a formare siepi, ........


erbacee bulbose Hippeastrum
Hippeastrum

Hippeastrum, genere di 75 specie di piante bulbose, tropicali e subtropicali, appartenenti alla famiglia delle Amaryllidaceae, adatti alla coltivazione in ambiente protetto. Sono perfette come piante da appartamento, e se si opera con cura è possibile avere piante fiorite nella maggior parte dell’anno. Hanno bulbi molto grandi e foglie nastriformi, di colore verde più o meno scuro e fusti fioriferi che portano uno o più fiori grandi, imbutiformi.
I bulbi dei tipi a fioritura invernale e primaverile si piantano in settembre-ottobre e fioriscono da febbraio in poi, a seconda della temperatura alla quale sono stati coltivati. In tutti i casi la temperatura minima non deve scendere sotto i 13-16° C. le specie a fioritura estiva e autunnale si invasano all’inizio della primavera, e si fanno crescere alla stessa temperatura. Tutte hanno bisogno di annaffiature e concimazioni abbondanti prima della fioritura e di un periodo di riposo di 3 mesi.
I bulbi si piantano singolarmente in vasi da 12-15 cm, riempiti con una composta da vasi, ricoprendoli solo per metà. Si somministra un po’ d’acqua fin quando si noteranno dei segni di crescita alla cima del bulbo stesso. I boccioli floreali si formano prima delle foglie o anche subito dopo e a questo punto si aumentano le annaffiature. Nel periodo vegetativo si somministra settimanalmente del concime liquido diluito in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto. Le foglie continuano a svilupparsi dopo ola fioritura e necessitano di concimazioni e annaffiature fino quando cominceranno a mostrare segni di ingiallimento, e a quel punto non si bagnano più. Anche il bulbo e il terreno si tengono asciutti fino al momento della ripresa vegetativa. Non è necessario rinvasare ogni anno, ma è possibile sostituire la parte superiore del terriccio, appena prima della ripresa delle annaffiature.

Parassiti animali: Tripidi e il Ragnetto Rosso delle Serre provocano deformazioni e decolorazioni nei fiori e nelle foglie.

Hippeastrum x ackermannii: pianta di origine orticola, alta 50-60 cm. Si tratta di un ibrido di non recente costituzione, dai fiori rosso scuro, larghi 12-151 cm che sbocciano in inverno e in primavera.
Hippeastrum aulicum: pianta originaria del Brasile e Paraguay, alta 45 cm. Si tratta di una specie a fioritura invernale che produce 2, talvolta anche 3-4 fiori rossi, verdi alla base, lunghi 12-115 cm.
Hippeastrum candidum: pianta originaria dell’Argentina, alta 60-80 cm. Si tratta di una specie dai fiori penduli e profumati, bianchi, macchiati di giallo e di verde, lunghi 12-15 cm, che sbocciano in estate, contemporaneamente alla comparsa delle foglie.
Hippeastrum equestre: pianta originaria del Messico e America meridionale, alta 40-70 cm. Si tratta di una specie variabile, con foglie che compaiono dopo la fioritura e fiori larghi 10-12 cm, dalle diverse tonalità di rosso, che sbocciano in inverno e in primavera.
Hippeastrum reginae: pianta originaria del Messico, Perù e Brasile, alta 50 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie nastriformi molto lunghe, e dai fiori scarlatti, bianco-verdi all’interno, che sbocciano all’inizio dell’estate.
Hippeastrum reticulatum: pianta originaria del Brasile e Venezuela, alta 30-60 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie striate di bianco e fiori a striature rosa, lunghi 7 cm, che sbocciano in autunno. È una pianta che richiede temperature elevate.
Hippeastrum rutilum: pianta originaria del Brasile e Venezuela, alta 30 cm. Si tratta di una specie dai numerosi fiori in varie tonalità di rosso, striati di verde, lunghi 10 cm, che sbocciano in primavera.
Hippeastrum vittatum: pianta originaria del Perù, alta 80-90 cm. Si tratta di una specie dalle foglie lunghe 60 cm che compaiono dopo i fiori, bianchi striati di rosso, lunghi 12 cm che sbocciano in primavera.

IBRIDI
Gli Hippeastrum ibridi, alti 30-45 cm, hanno fiori a grandi petali, di vari colori: bianchi, rosa, rossi e arancio, talvolta striati. Producono 3-4 fiori portati da 1-2 fusti robusti. Fra le tante varietà si ricordano American Express, con fiori cremisi-scarlatto scuro; Bouquet, dai fiori rosa-salmone con macchie e striature scarlatte; Candy Cane, con fiori bianchi a sfumature o screziature cremisi; Nivalis, con fiori bianchi e gola sfumata di giallo; Prima Donna, con fiori cremisi e boccioli sfumati di bianco.


riproduzione: le specie tipiche si possono riprodurre per seme, a meno che si verifichi l’impollinazione incrociata. Si semina in marzo, in vassoi o cassette, distanziando i semi di 2,5 cm e coprendoli appena con una composta leggera, all’ombra e alla temperatura di 16-18° C fino all’inizio della germinazione. Le piantine si piantano al caldo e si annaffiano fino a quando sono abbastanza grandi da poter essere ripicchettate, singolarmente, in vasi da 8 cm. Si rinvasano quando le radici hanno riempito i contenitori, facendo in modo da tenere sempre umida la composta fino a dopo la prima fioritura che avviene dopo 3 anni dalla germinazione.
Si possono anche moltiplicare utilizzando i bulbilli che potranno essere divisi durante il periodo di riposo vegetativo, bulbilli che però sono prodotti in numero limitato.

esposizione:
fioritura: Invernale, primaverile, estiva e autunnale a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su