Parassiti Vegetali
Ernia del cavolo (Plasmodiophora brassicae)

Ernia del cavolo (Plasmodiophora brassicae), colpisce numerose specie appartenenti alla famiglia delle crucifere, in particolare i cavoli, le rape e il cavolfiore tra le specie orticole, i Cheiranthus, le Lunaria e le Matthiola fra le specie ornamentali. La malattia attacca piante molto piccole, ma la sua presenza diviene evidente solo più tardi, con la  comparsa di tumefazioni, ingrossamenti e pretuberanze nell'apparato radicale e nella parte più bassa del fusto. Inizialmente si producono piccole pretuberanze biancastre o giallastre, poi grandi malformazioni che successivamente marciscono. I fusti e le foglie appassiscono e le piante stentano evidentemente a crescere.
Lotta: mantenere il pH del terreno neutro o tendenzialmente alcalino e procedere, inoltre, alla disinfezione dei semenzai con formaldeide o con vapam.



 

 

 



Parrotia
Parrotia, genere comprendente una sola specie arbustiva o arborea, rustica, a foglie decidue, con chioma espansa, che viene coltivata principalmente per i colori autunnali delle foglie, che diventano color ambra, ........

Angraecum

Angraecum, genere comprendente circa 200 specie di orchidee tropicali dell’Africa e del Madagascar appartenenti alla famiglia delle Orchidacee. Si tratta di piante epifite, ovvero che vivono su altre piante senza parassitarle, ........

lagestroèmia (Lagestroemia)
La Lagestroèmia (Lagestroemia) , originaria dell'Asia, Australia e Nuova Guinea, comprende circa 20 specie ed è un albero o grande arbusto a foglia caduca.
Le fogliesono ovali, più o meno cuminate, di lunghezza ........

Cedrus(Cedro)

Cedrus(Cedro), genere di 4 specie di conifere sempreverdi, rustiche e longeve, appartenenti alla famiglia delle Pinaceae, adatte per i grandi giardini o parchi, in quanto crescono molto rapidamente. I rametti giovani hanno ........

Cercidiphyllum

Cercidiphyllum, genere di 2 specie di alberi a foglie decidue, originari della Cina e del Giappone. La specie descritta si coltiva per l'eleganza della chioma e per le foglie che in autunno si colorano di tinte vivaci, dal ........

sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Molucella

Molucella, genere di 4 specie di piante annuali e perenni. La specie descritta è poco comune ed è adatta per essere coltivata nelle bordure e per la produzione di fiori da recidere. I fiori, molto ornamentali, sono particolarmente ........

Fragola (Fragaria)

Fragola (Fragaria), pianta orticola molto diffusa,  della famiglia delle Rosaceae, coltivata in molte zone per ottenere i frutti. In realtà, quelli comunemente ritenuti i frutti delle fragole sono falsi frutti, nei ........

Guaiabo del Brasile (Feijoa sellowiana)

Guaiabo del Brasile (Feijoa sellowiana), arbusto originario dell'America meridionale, coltivato largamente in California e introdotto nelle regioni italiane a clima mite come la Sicilia, la Sardegna, la Calabria e la Liguria. ........

Cotognàastro (Cotoneaster)
Il Cotognàastro (Cotoneaster) , originario dell'Africa settentrinale, Asia, Europa, comprende circa 40 specie delle quali 2 spontanee in Italia, è un arbusto rustico di varia altezza, a foglie persistenti ........

Aciphylla

Aciphylla, genere di piante vivaci sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Ombrellifere, originarie delle regioni desertiche e montagnose dell’emisfero meridionale. Le foglie sono rigide e slanciate, con l’apice appuntito. ........



Parassiti Vegetali
Ernia del cavolo (Plasmodiophora brassicae)

Ernia del cavolo (Plasmodiophora brassicae), colpisce numerose specie appartenenti alla famiglia delle crucifere, in particolare i cavoli, le rape e il cavolfiore tra le specie orticole, i Cheiranthus, le Lunaria e le Matthiola fra le specie ornamentali. La malattia attacca piante molto piccole, ma la sua presenza diviene evidente solo più tardi, con la  comparsa di tumefazioni, ingrossamenti e pretuberanze nell'apparato radicale e nella parte più bassa del fusto. Inizialmente si producono piccole pretuberanze biancastre o giallastre, poi grandi malformazioni che successivamente marciscono. I fusti e le foglie appassiscono e le piante stentano evidentemente a crescere.
Lotta: mantenere il pH del terreno neutro o tendenzialmente alcalino e procedere, inoltre, alla disinfezione dei semenzai con formaldeide o con vapam.