Parassiti Animali
Afidi

Gli Afidi sono insetti dell'ordine degli Emitteri comunemente consciuti come pidocchi o gorgoglioni che attaccano moltissime piante coltivate, sia erbacee annuali e perenni, sia arbustive e sia arboree. Sono dotati di apparato boccale pungente-succhiante, con il quale suggono la linfa delle piante e, dal momento che vivono in colonie numerose, sono causa di gravi danni sia ai gremogli giovani che alla produzione. Inoltre, favoriscono la diffusione delle virosi e provocano l'emissione di un liquido zuccherino, detto melata, che favorisce lo sviluppo delle fumaggini. Alcune piante, se attaccate, possono formare anche delle galle. Gli Afidi si differenziano per alcune caratteristiche, fra cui la presenza o meno delle ali. ed è tipica la presenza di appendici nell'addome. Le femmine alate si spostano con gran facilità di pianta in pianta e, in particolar modo per le specie che compiono il loro ciclo su piante diverse, si spostano dall'ospite primario a quello secondario. Le annate calde e secche ne favoriscono lo sviluppo. Gli Afidi possono svernare allo stato di uovo, deposto in autunno, oppure essere attivi per tutto l'arco dell'anno.
Lotta: contro le forme ibernanti, ovvero le uova, si eseguono applicazioni con olio bianco attivato con esteri fosforici, per es. Paration, Metil-paration. Contro gli adulti, si eseguono applicazioni con prodotti specifici, dando la preferenza a prodotti sistemici in caso di attacchi avanzati, in grado di penetrare nelle galle e all'interno delle foglie arrotolate, mentre nei casi di attacchi iniziali si può ricorrere ad aficidi di contatto.

 

 

 



Lisimāchia (Lysimachia)
La Lisimàchia (Lysimachia) , originaria dell'Asia, Europa e America, comprende circa 100 specie, alcune spontanee in Italia, ed è una erbacea perenne o annuale, rustica o semirustica, glabre o ricoperte  ........


Anaphalis

Anaphalis, genere di 25 specie di piante erbacee perenni, rustiche, a portamento eretto  e dal bel fogliame grigio. Le infiorescenze, appiattite, bianche, durevoli, le rendono particolarmente adatte per le composizioni ........

Lavatera
Lavatera, genere di 25 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali, biennali e perenni, con fiori imbutiformi, simili a qualli dell'Ibisco. La specie annuale descritta è adatta per le bordure, ........

Pachysandra
Pachysandra, genere di 4 specie di piante perenni, sempreverdi, rustiche, dal fusto prostrato. La specie descritta è adatta in particolar modo a coprire il terreno nelle zone ombreggiate del giardino, dove ........

sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine




Incarvėllea (Incarvillea)
La Incarvìllea (Incarvillea) , originaria della Cina, Tibet e Turkestan, comprende circa 15 specie ed è una pianta erbacea perenne, spesso con radici tuberizzate.
Le foglie possono essere semplici ........

Tradescantia

Tradescantia, genere di 60 specie di piante perenni, rustiche e delicate, appartenenti alla famiglia delle  Commelinaceae, coltivate per i fiori e le foglie molto ornamentali. Le specie delicate descritte sono adatte alla ........

Anacyclus

Anacyclus, genere di 25 specie di piante erbacee, rustiche, perenni e sempreverdi, originarie della catena montuosa dell'Atlante. Hanno foglie falciformi, finemente divise, che formano tappeti compatti. I fusti fioriferi ........

Eccremocarpus

Eccremocarpus, genere di 5 specie di piante rampicanti, sempreverdi, semirustiche adatte nelle regioni a clima mite a coprire pergolati e muri e per formare siepi.
Alla fine di maggio si piantano gruppi di 3 piantine ........



Parassiti Animali
Afidi

Gli Afidi sono insetti dell'ordine degli Emitteri comunemente consciuti come pidocchi o gorgoglioni che attaccano moltissime piante coltivate, sia erbacee annuali e perenni, sia arbustive e sia arboree. Sono dotati di apparato boccale pungente-succhiante, con il quale suggono la linfa delle piante e, dal momento che vivono in colonie numerose, sono causa di gravi danni sia ai gremogli giovani che alla produzione. Inoltre, favoriscono la diffusione delle virosi e provocano l'emissione di un liquido zuccherino, detto melata, che favorisce lo sviluppo delle fumaggini. Alcune piante, se attaccate, possono formare anche delle galle. Gli Afidi si differenziano per alcune caratteristiche, fra cui la presenza o meno delle ali. ed è tipica la presenza di appendici nell'addome. Le femmine alate si spostano con gran facilità di pianta in pianta e, in particolar modo per le specie che compiono il loro ciclo su piante diverse, si spostano dall'ospite primario a quello secondario. Le annate calde e secche ne favoriscono lo sviluppo. Gli Afidi possono svernare allo stato di uovo, deposto in autunno, oppure essere attivi per tutto l'arco dell'anno.
Lotta: contro le forme ibernanti, ovvero le uova, si eseguono applicazioni con olio bianco attivato con esteri fosforici, per es. Paration, Metil-paration. Contro gli adulti, si eseguono applicazioni con prodotti specifici, dando la preferenza a prodotti sistemici in caso di attacchi avanzati, in grado di penetrare nelle galle e all'interno delle foglie arrotolate, mentre nei casi di attacchi iniziali si può ricorrere ad aficidi di contatto.