articolo Giardino Progetta e realizza
La serra, un verde paradiso freccelunedì 16 gennaio 2012

La serra, un verde paradiso, il luogo ideale per coltivare piante che altrimenti sarebbe impossibile avere, ma anche un luogo tranquillo e rilassante dove ci si può isolare assieme al proprio mondo verde. Possedere una serra vuol dire avere molte nuove opportunità e gioie vegetali, una serra significa la possibilità di creare una piccola jungla domestica, divertente e affascinante, nella quale trascorre delle ore piacevoli.
Piacevole odore di humus, luce diffusa e filtrata in ogni stagione, temperatura controllabile e perfettamente adattabile alle esigenze delle coltivazioni che vi sono ospitate, possibilità di ombreggiare, riscaldare, areare, insomma un mondo tutto nuovo per il quale vale la pena investire una somma di denaro.

Acquistare una serra non è come comprare un'auto. In primo luogo perchè si tratta di una costruzione, più o meno voluminosa e permanente, fatta per durare nel tempo, che talvolta esige permessi di costruzione da parte del Comune e, inoltre, può richiedere del tempo per la sua realizzazione. Bisogna, inoltre, prendere in considerazione numerosi aspetti della quastione quali la posizione scelta o quella possibile, la dimensione, l'utilizzo che se ne intende fare, a altro ancora.

Come scegliere una serra
La prima decisione da prendere consiste nella scelta del tipo di serra, se in Kit, che generalmente richiede almeno due persone per il montaggio, o tradizionale, ovvero montata da personale specializzato.
La prima soluzione può riservare spiacevoli sorprese, ma per un buon fai da te, tutti gli intoppi sono di norma superabili, anche in caso le spiegazioni allegate non fossero perfette. Le serre in kit sono in materiale leggero, e hanno una funzione di complemento ai cassoni e alle mini-serre. Se si pensa di dotarle di varie attrezzature, di allacciamenti elettrici e idrici, ci si rende conto che il costo finale potrebbe essere molto vicino a quello di una serra tradizionale. Ma vogliamo mettere il piacere e la soddisfazione di farsela da soli. Chi in linea di massima sente l'esigenza di una serra, è una persona che solitamente cura le coltivazioni in prima persona, per cui è comunque una persona, se non proprio esperta, almeno piena di buon senso e inventiva, per cui non dovrebbe trovare problemi.

Conviene, ad ogni buon conto, studiare con cura il progetto, tenendo presente che in certi casi potrebbe essere più conveniente farsi una serra in muratura, ma questo non può prescindere di permessi comunali. Una soluzione del genere comporta un prezzo iniziale più impegnativo, ma la durata e l'adattamento ad esigenze particolari saranno senz'altro maggiori.

L'installazione ed i costi
L'ubicazione di una serra è spesso determinata più dalle necessità del proprietario che dalla logica, la quale dovrebbe puntare in primo luogo all'economia di calorie. L'esposizione ideale per il riscaldamento è, ovviamente, a sud, sud-est, ma questo dipende anche dalle piante che vi troveranno posto. Un collezionista di bonsai, per esempio, dovrà necessariamente scegliere una diversa esposizione, perchè altrimenti la temperatura interna sarebbe eccessiva. Sarà invece la posizione ideale per chi ha la passione per la semina e vuole poter godere di tutte le primizie.

La serra deve essere una costruzione a se stante o dovrà avere una comunicazione diretta con la casa? Anche questa condizione potrebbe essere determinante sia per l'esposizione che per i costi di realizzazione come, per esempio, anche la scelta di volerla costruire su fondamenta piuttosto che montata direttamente sul terreno.
Bisogna tener presente che, in linea di massima, al costo vivo di una serra rappresentato dalla struttura e dalle vetrate, va aggiunto circa un terzo, a volte anche di più, per le attrezzature. Alcune di esse, come l'areazione e il riscaldamento,  sono destinate ad assicurare un soggiorno più piacevole all'interno della serra, non solo per gli ospiti verdi, ma anche per chi dovrà averne cura. Altre ancora permettono alle piante di sopportare anche l'assenza prolungata del proprietario, come le automazioni varie sia per quanto riguarda l'irrigazione che il riscaldamento. Infine ci sono le strutture di arredamento, quindi i ripiani e le mensole.

Ovviamente, tutto questo materiale può essere acquistato anche gradualmente, man mano che ne ne dovesse presentare la necessità, compatibilmente con le proprie disponibilità economiche. L'esperienza, inoltre, porterà a scoprire che, per esempio, le scatole in polistirolo o plastica della verdura che si compra al supermercato possono essere dei validissimi contenitori per i semi e le talee. Altra considerazione da fare è che, di norma, il costo di una serra non è direttamente proporzionale alle sue dimensioni e che perciò, se di dispone di una superficie adeguata, può essere conveniente realizzare una struttura più ampia e confortevole scoprendo, strada facendo, che il suo prezzo può essere di poco superiore ad una serra molto più piccola.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Gaillàardia (Gaillardia)
La Gaillàardia (Gaillardia) , originaria del Nor e Sud America, comprende circa 25 specie ed è una erbacea perenne e annuale, rustica e semirustica.
Le foglie sono di forma allungata, grossolanamente ........

Dierama

Dierama, genere di 25 specie di piante perenni, sempreverdi o semisempreverdi, con bulbo-tuberi molto numerosi. Le specie decritte sono adatte per le bordure in zone a clima mite. Hanno fusti arcuati, molto belli, sottili ........

Arctotis

Arctotis, genere di 65 specie di piante annuali, perenni e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Compositae. Le specie descritte, sebbene perenni, vengono per lo più coltivate come annuali, in quanto difficilmente ........


Clivia

Clivia, genere di 3 specie di piante non rustiche, appartenenti alla famiglia delle Amaryllidaceae, da coltivarsi in vaso, n serra o in appartamento; si possono coltivare all’aperto nelle zone a clima temperato-caldo. Le ........

 

 

Ricetta del giorno
Insalata greca
Lavare accuratamente e poi tagliare il cetriolo e i pomodori maturi a pezzi grossi, che è poi il segreto di una buona insalata greca. Tagliare le due ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Heliotropium (Eliotropio)

Helitropium (Eliotropio), genere di 250 specie di piante erbacee, annuali, e arbustive, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae. Si coltivano solo alcune specie arbustive, tra cui la più comune ........

Erysimum

Erysimum, genere di 100 specie di piante erbacee perenni, annuali e biennali, appartenenti alla famiglia delle Cruciferae, rustiche, simili alle violacciocche e, nonostante siano poco longeve, sono adatte alla coltivazione ........

Hosta
L' Hosta , originaria del Giappone e Cina, comprende circa 20 specie ed è una pianta erbacea perenne, rustica, dal fogliame molto ornamentale.
Le foglie sono di forma ovale, più o meno larghe, attraversate ........

Cardiocrinum

Cardiocrinum, genere di 3 specie di piante perenni, bulbose, rustiche, affini al genere Lilium dal quale si differenziano per il fatto che i bulbi si esauriscono dopo la fioritura e le piante muoiono. Altra differenza è ........

Scalogno – Allium ascalonicum

Scalogno, allim ascalonicum, pianta bulbosa rustica appartenente alla famiglia delle Gigliacee, assai simile alla cipolla e all’aglio: i suoi bulbi sono più dolci e profumati di quelli dell’aglio ma hanno sapore più accentuato ........

Ricetta del giorno
Scorze di limone caramellate
Lavare accuratamente i limoni in modo da liberarli da eventuali tracce di pesticidi o altre sostanze chimiche. Pelare i limoni in modo che la scorza sia ....


 articolo Giardino Progetta e realizza
La serra, un verde paradiso freccelunedì 16 gennaio 2012

La serra, un verde paradiso, il luogo ideale per coltivare piante che altrimenti sarebbe impossibile avere, ma anche un luogo tranquillo e rilassante dove ci si può isolare assieme al proprio mondo verde. Possedere una serra vuol dire avere molte nuove opportunità e gioie vegetali, una serra significa la possibilità di creare una piccola jungla domestica, divertente e affascinante, nella quale trascorre delle ore piacevoli.
Piacevole odore di humus, luce diffusa e filtrata in ogni stagione, temperatura controllabile e perfettamente adattabile alle esigenze delle coltivazioni che vi sono ospitate, possibilità di ombreggiare, riscaldare, areare, insomma un mondo tutto nuovo per il quale vale la pena investire una somma di denaro.

Acquistare una serra non è come comprare un'auto. In primo luogo perchè si tratta di una costruzione, più o meno voluminosa e permanente, fatta per durare nel tempo, che talvolta esige permessi di costruzione da parte del Comune e, inoltre, può richiedere del tempo per la sua realizzazione. Bisogna, inoltre, prendere in considerazione numerosi aspetti della quastione quali la posizione scelta o quella possibile, la dimensione, l'utilizzo che se ne intende fare, a altro ancora.

Come scegliere una serra
La prima decisione da prendere consiste nella scelta del tipo di serra, se in Kit, che generalmente richiede almeno due persone per il montaggio, o tradizionale, ovvero montata da personale specializzato.
La prima soluzione può riservare spiacevoli sorprese, ma per un buon fai da te, tutti gli intoppi sono di norma superabili, anche in caso le spiegazioni allegate non fossero perfette. Le serre in kit sono in materiale leggero, e hanno una funzione di complemento ai cassoni e alle mini-serre. Se si pensa di dotarle di varie attrezzature, di allacciamenti elettrici e idrici, ci si rende conto che il costo finale potrebbe essere molto vicino a quello di una serra tradizionale. Ma vogliamo mettere il piacere e la soddisfazione di farsela da soli. Chi in linea di massima sente l'esigenza di una serra, è una persona che solitamente cura le coltivazioni in prima persona, per cui è comunque una persona, se non proprio esperta, almeno piena di buon senso e inventiva, per cui non dovrebbe trovare problemi.

Conviene, ad ogni buon conto, studiare con cura il progetto, tenendo presente che in certi casi potrebbe essere più conveniente farsi una serra in muratura, ma questo non può prescindere di permessi comunali. Una soluzione del genere comporta un prezzo iniziale più impegnativo, ma la durata e l'adattamento ad esigenze particolari saranno senz'altro maggiori.

L'installazione ed i costi
L'ubicazione di una serra è spesso determinata più dalle necessità del proprietario che dalla logica, la quale dovrebbe puntare in primo luogo all'economia di calorie. L'esposizione ideale per il riscaldamento è, ovviamente, a sud, sud-est, ma questo dipende anche dalle piante che vi troveranno posto. Un collezionista di bonsai, per esempio, dovrà necessariamente scegliere una diversa esposizione, perchè altrimenti la temperatura interna sarebbe eccessiva. Sarà invece la posizione ideale per chi ha la passione per la semina e vuole poter godere di tutte le primizie.

La serra deve essere una costruzione a se stante o dovrà avere una comunicazione diretta con la casa? Anche questa condizione potrebbe essere determinante sia per l'esposizione che per i costi di realizzazione come, per esempio, anche la scelta di volerla costruire su fondamenta piuttosto che montata direttamente sul terreno.
Bisogna tener presente che, in linea di massima, al costo vivo di una serra rappresentato dalla struttura e dalle vetrate, va aggiunto circa un terzo, a volte anche di più, per le attrezzature. Alcune di esse, come l'areazione e il riscaldamento,  sono destinate ad assicurare un soggiorno più piacevole all'interno della serra, non solo per gli ospiti verdi, ma anche per chi dovrà averne cura. Altre ancora permettono alle piante di sopportare anche l'assenza prolungata del proprietario, come le automazioni varie sia per quanto riguarda l'irrigazione che il riscaldamento. Infine ci sono le strutture di arredamento, quindi i ripiani e le mensole.

Ovviamente, tutto questo materiale può essere acquistato anche gradualmente, man mano che ne ne dovesse presentare la necessità, compatibilmente con le proprie disponibilità economiche. L'esperienza, inoltre, porterà a scoprire che, per esempio, le scatole in polistirolo o plastica della verdura che si compra al supermercato possono essere dei validissimi contenitori per i semi e le talee. Altra considerazione da fare è che, di norma, il costo di una serra non è direttamente proporzionale alle sue dimensioni e che perciò, se di dispone di una superficie adeguata, può essere conveniente realizzare una struttura più ampia e confortevole scoprendo, strada facendo, che il suo prezzo può essere di poco superiore ad una serra molto più piccola.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: