articolo Cucina
Una corretta dieta vegetariana freccelunedì 11 novembre 2013 


Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché di proteine, perché, nel momento in cui si decide di eliminare dal proprio piatto quelle di origine animale, è altresì importante sapere dove trovare quelle vegetali, per assumerle in giusta quantità. Di vitamine vegetali la natura è particolarmente ricca; se ne trovano in abbondanti quantità, ad esempio, nei legumi, quali ceci, fagioli, lenticchie, piselli e soia, che può essere ingerita in varie forme, dal latte fino al tofu.

A questi vanno poi associati i cereali, come riso, farro, grano, miglio, avena, segale, che contengono pochi grassi e molti sali minerali, vitamine e proteine, ossia elementi utili a combattere l’insorgenza di malattie a carattere degenerativo. E’ importante ricordare che i legumi, come anche i cereali integrali e le verdure verdi contengono molto ferro, quindi, soprattutto se assunti insieme a frutta ricca di vitamina C (kiwi, agrumi), la quale favorisce l’assorbimento di quest’oligoelemento, riducono notevolmente il rischio di anemia, tanto temuto da coloro che demonizzano la dieta vegetariana. Il calcio, invece, è presente in quantitativi significativi non solo nelle uova, nel latte e nei formaggi, che fanno comunque parte di tale regime alimentare, ma anche in broccoli, cavoli, bietole, crucifere e altre verdure verdi.

Lo iodio è possibile assumerlo grazie alle alghe, che anche in piccole quantità soddisfano il fabbisogno di tale elemento per un corretto funzionamento della tiroide. La frutta secca, quindi noci, mandorle, pinoli, nocciole, rappresenta un forte fattore di protezione della salute, perché previene le patologie cardiache, essendo particolarmente ricca di omega-3, quindi nella dieta vegetariana anche questa non deve mai mancare. Se poi si vuole aggiungere un ulteriore tocco di benessere alla nostra tavola bastano poche altre piccole accortezze. Innanzitutto preferire le spezie, se possibile fresche, al sale raffinato per insaporire i cibi aiuta a ridurre i danni apportati all’organismo da una dieta ipersodica e, allo stesso tempo, dona anche un gusto piacevole alle pietanze.

Non farsi mai mancare un’insalata ogni giorno; assunta ad inizio pasto, infatti, questa controlla poi l’assorbimento degli altri nutrienti. Preferire le pentole normali a quelle a pressione, per cuocere zuppe e minestroni, così da limitare l’evaporazione di troppe sostanze nutritive dai vegetali. La dieta vegetariana, quindi, rappresenta una scelta alimentare particolarmente ricca e protettiva per la salute. Infatti, la riduzione di grassi animali e di zuccheri complessi nell’alimentazione quotidiana comporta una riduzione della mortalità, che è stata stimata pari al 50-70% circa. Inoltre, si è dimostrato che l’assunzione di frutta secca, insieme ad olio di semi di lino, riduce in parte l’insorgenza di tumori al seno e al colon.

Quindi, oltre che per motivazioni etiche, la scelta di diventare vegetariani da alcuni è fatta anche per motivi di salute. Resta il fatto che, qualunque sia la spinta che orienta a seguire un regime alimentare piuttosto che un altro, prima di intraprendere qualsiasi percorso è bene consultare un nutrizionista, fare delle analisi e così poter poi cambiare con tranquillità.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabrina  Rosa - vedi tutti gli articoli di Sabrina  Rosa


   
Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Vedi anche

Come cucinare un ragù di salsiccia - mercoledì 3 settembre 2014
Il ragù di salsiccia, conosciuto anche come ragù alla bolognese è la salsa di pomodoro più indicata per condire le pappardelle, le fettuccine o la pasta al forno. Il suo segreto, cioè ciò che ........

Ricetta farro e ceci - martedì 22 ottobre 2013
Fanno una coppia perfetto il farro e i ceci, una coppia di cui i toscani hanno colto da tempo immemorabile le potenzialità. Il farro è forse il cereale più salutare in quanto è il meno calorico, ha inoltre pochissimi grassi, un basso indice glicemico ........

Una corretta dieta vegetariana - lunedì 11 novembre 2013
Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché ........

Mangiare il pesce fa bene! - lunedì 23 settembre 2013
Esistono diversi tipi di pesce ed è diverso il loro grado di digeribilità: alcuni sono molti digeribili e adatti all'alimentazione di bambini e anziani(platessa, nasello, sogliola, trota), altri possono risultare meno digeribili(tonno, sgombro, ........

Menù Etnico – i cibi di Atlantide – parte 3 - lunedì 2 settembre 2013
Tsike mi disse che la parte successiva era per lui la più piacevole; il primo vero e proprio cibo di Atlantide. Quando me lo comunicò mi era già venuto un certo languorino, quindi veder preparare questi tortini di mais, carne e verdure, fu una ........

 

Ricetta del giorno
Torta di pere caramellate
Sbucciare le pere, tagliarle a metà e togliere il torsolo, quindi tagliarle a fette piuttosto spesse e bagnarle con il limone. Nel frattempo accendere ....


Articoli correlati

Cosa si deve mangiare per bruciare i grassi - giovedì 25 aprile 2013

Bruciare i grassi, per molti una necessità più che un desiderio, solo che il più delle volte si sceglie la strada sbagliata, perché ci si affida a diete estreme che, pur dando di risultati in molti casi, possono tuttavia rappresentare un pericolo ........

Il mirtillo: un frutto buono e sano. - domenica 15 settembre 2013
Ecco che arriva il mirtillo. Ormai ci siamo: il 22 settembre inizierà l’autunno e potremmo dire definitivamente “arrivederci” alla nostra estate tanto voluta e amata. Cade di una domenica che, secondo le previsioni Meteo, sarà soleggiata con un ........

Frutta nelle scuole - lunedì 23 settembre 2013
Non tutti i bambini amano e apprezzano la frutta, perciò è ideale trovare modi alternativi e gustosi per presentare la frutta. Ecco alcune delle idee più facili da realizzare e più gustose per invogliare il bambino all'uso quotidiano di questo ........

Pesce povero... ma bello - venerdì 25 ottobre 2013
Il pesce povero. Potassolo, Palamita, Boga, Musdea, Zerro, Soace… Alzi la mano chi è in grado di dire di prim’acchito di cosa stiamo parlando Di vini??!, azzarderà qualcuno… No, di pesce! Nei nostri mari si pescano ........

Menù Etnico – i cibi di Atlantide – parte 3 - lunedì 2 settembre 2013
Tsike mi disse che la parte successiva era per lui la più piacevole; il primo vero e proprio cibo di Atlantide. Quando me lo comunicò mi era già venuto un certo languorino, quindi veder preparare questi tortini di mais, carne e verdure, fu una ........

Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....

 articolo Cucina
Una corretta dieta vegetariana freccelunedì 11 novembre 2013 

Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché di proteine, perché, nel momento in cui si decide di eliminare dal proprio piatto quelle di origine animale, è altresì importante sapere dove trovare quelle vegetali, per assumerle in giusta quantità. Di vitamine vegetali la natura è particolarmente ricca; se ne trovano in abbondanti quantità, ad esempio, nei legumi, quali ceci, fagioli, lenticchie, piselli e soia, che può essere ingerita in varie forme, dal latte fino al tofu.

A questi vanno poi associati i cereali, come riso, farro, grano, miglio, avena, segale, che contengono pochi grassi e molti sali minerali, vitamine e proteine, ossia elementi utili a combattere l’insorgenza di malattie a carattere degenerativo. E’ importante ricordare che i legumi, come anche i cereali integrali e le verdure verdi contengono molto ferro, quindi, soprattutto se assunti insieme a frutta ricca di vitamina C (kiwi, agrumi), la quale favorisce l’assorbimento di quest’oligoelemento, riducono notevolmente il rischio di anemia, tanto temuto da coloro che demonizzano la dieta vegetariana. Il calcio, invece, è presente in quantitativi significativi non solo nelle uova, nel latte e nei formaggi, che fanno comunque parte di tale regime alimentare, ma anche in broccoli, cavoli, bietole, crucifere e altre verdure verdi.

Lo iodio è possibile assumerlo grazie alle alghe, che anche in piccole quantità soddisfano il fabbisogno di tale elemento per un corretto funzionamento della tiroide. La frutta secca, quindi noci, mandorle, pinoli, nocciole, rappresenta un forte fattore di protezione della salute, perché previene le patologie cardiache, essendo particolarmente ricca di omega-3, quindi nella dieta vegetariana anche questa non deve mai mancare. Se poi si vuole aggiungere un ulteriore tocco di benessere alla nostra tavola bastano poche altre piccole accortezze. Innanzitutto preferire le spezie, se possibile fresche, al sale raffinato per insaporire i cibi aiuta a ridurre i danni apportati all’organismo da una dieta ipersodica e, allo stesso tempo, dona anche un gusto piacevole alle pietanze.

Non farsi mai mancare un’insalata ogni giorno; assunta ad inizio pasto, infatti, questa controlla poi l’assorbimento degli altri nutrienti. Preferire le pentole normali a quelle a pressione, per cuocere zuppe e minestroni, così da limitare l’evaporazione di troppe sostanze nutritive dai vegetali. La dieta vegetariana, quindi, rappresenta una scelta alimentare particolarmente ricca e protettiva per la salute. Infatti, la riduzione di grassi animali e di zuccheri complessi nell’alimentazione quotidiana comporta una riduzione della mortalità, che è stata stimata pari al 50-70% circa. Inoltre, si è dimostrato che l’assunzione di frutta secca, insieme ad olio di semi di lino, riduce in parte l’insorgenza di tumori al seno e al colon.

Quindi, oltre che per motivazioni etiche, la scelta di diventare vegetariani da alcuni è fatta anche per motivi di salute. Resta il fatto che, qualunque sia la spinta che orienta a seguire un regime alimentare piuttosto che un altro, prima di intraprendere qualsiasi percorso è bene consultare un nutrizionista, fare delle analisi e così poter poi cambiare con tranquillità.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabrina  Rosa - vedi tutti gli articoli di Sabrina  Rosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: