arbusti sempreverdi Adenocarpus
 

Adenocarpus, genere comprendente alcuni arbusti originari del bacino del Mediterraneo, appartenenti alla famiglia delle Papilionacee, il cui aspetto generale fa vagamente pensare a una ginestra. Queste piante sono caratterizzate da foglie composte da tre foglioline allungate e da una fioritura molto abbondante che compare nella tarda primavera. Il bel giallo dei fiori verrà valorizzato soprattutto se le piante avranno come sfondo una macchia di arbusti dal fogliame verde cupo.
Gli Adenocampus non sopportano i terreni calcarei mentre si avvantaggiano di substrati umiferi; temono inoltre i ristagni d’acqua, preferendo una condizione arida. Sono piante adatte a regioni dal clima mite, per cui, nelle altre zone, vanno piantate in un angolo ben riparato del giardino.

Potatura: gli Adenocarpus, avendo una fioritura apicale, richiedono di essere potati subito dopo la caduta dei fiori, in modo da favorire il ricaccio di nuovi getti e la conseguente fioritura dell’anno successivo.

Adecocarpus complicatus: pianta di piccola taglia, non supera quasi mai i 60 cm di altezza. Cresce bene in ambiente mediterraneo, caldo e secco. La varietà Intermedius è utilizzata per il suo fogliame grigiastro e per la sua abbondantissima fioritura che avviene in maggio-giugno.
Adenocarpus anagyrus: pianta i tutto simile alla precedente tranne che per la fioritura che è notevolmente più precoce.
Adenocarpus grandiflora: arbusto dalle dimensioni abbastanza piccole, la sua altezza varia tra i 15 e i 75 cm. Fiorisce tra maggio e luglio.
Adenocarpus tolenensis: pianta in linea di massima simile alle precedenti, ma più alta. Raggiunge infatti i 90 cm d’altezza.

Riproduzione:
la riproduzione avviene quasi esclusivamente per talea. In giugno-luglio, subito dopo la fioritura, si prelevano talee lunghe 10-15 cm e si mettono a radicare in piccoli gruppi in vasi o cassonetti. Le talee radicate potranno essere messe a dimora nella primavera succssiva.
Esposizione:
Fioritura:
maggio-giugno