piante da interni appartamento Clivia
 

Clivia, genere di 3 specie di piante non rustiche, appartenenti alla famiglia delle Amaryllidaceae, da coltivarsi in vaso, n serra o in appartamento; si possono coltivare all’aperto nelle zone a clima temperato-caldo. Le foglie sono nastriformi, ottuse all’apice, verde scuro e lucide, lunghe fino a 60 cm. Le nuove foglie si formano in estate, mentre in autunno-inverno muoiono le più vecchie, in numero uguale a quelle nuove. I fusti, robusti, producono 10-60 fiori imbutiformi, lunghi 5-8 cm, riuniti i ombrelle terminali.
In primavera si piantano porzioni di rizomi, singolarmente in vasi di 12-15 cm, riempiti con una composta da vasi, alla temperatura di 16° C. In estate le piante si annaffiano moderatamente e dall’autunno alla primavera si somministra acqua solo se il terreno si secca completamente. Le piante ben sviluppate producono nuovi germogli. Tutte le piante devono essere rinvasate dopo la fioritura, in contenitori da 18-20 cm. Dopo 2-3 anni si rinvasano, in primavera, in vasi da 25-30 cm, senza dividerle, se si vogliono ottenere esemplari particolarmente belli.

Clivia x cyrtanthiflora: pianta di origine orticola, alta 30-50 cm, dai fiori rosso-fiamma chiaro, che sbocciano in marzo-aprile e a volte anche più tardi. Ne esistono numerose varietà a fiori gialli, arancio o rossi.
Clivia miniata: pianta originaria del Natal (Sud-Africa), alta 45 cm. Si tratta di una specie con foglie incurvate verso l’esterno e dai fusti fioriferi che producono, da marzo ad agosto 10-20 fiori eretti, rosso-arancio.
Clivia nobilis: pianta originaria del Sud-Africa, alta 30 cm e del diametro di 45 cm. Si tratta di una specie dai fiori pendenti, di colore rosso-arancio con apice verde, che sbocciano in maggio.

Riproduzione:
quando i vasi di 25-30 cm sono del tutto pieni di radici, si tolgono le piante dai vasi e si liberano i rizomi dal terriccio, facendo molta attenzione perché si possono facilmente danneggiare. Si separano i rizomi in porzioni che posseggano un germoglio e si invasano singolarmente coprendo appena la base dei germogli in contenitori da 12-15 cm, riempiti con una composta da vasi, alla temperatura di 16° C.
Le piante ottenute da semi producono fiori di forma e dimensioni variabili, per cui converrebbe non riprodurle in questo modo. In tutti i casi, si seminano in vasi da 8 cm, riempiti con una composta da vasi, alla temperatura di 15° C. Successivamente si rinvasano in contenitori da 12-15 cm.
Esposizione:
Fioritura:
tra marzo e agosto a seconda della specie