alberi a foglia caduca Laburnum (Maggiociondolo)
Laburnum (Maggiociondolo)

Laburnum (Maggiociondolo), genere di 6 specie di alberi e arbusti rustici, a foglie decidue, che fioriscono in primavera. Si coltivano generalmente 2 specie e i loro ibridi, che hanno foglie trifogliate, con foglioline ovato-ellittiche, e fiori di colore giallo, leggermente profumati, riuniti in racemi. Tutte le parti di quest'albero sono velenosissime, in particolare i legumi, simili a fagioli color verde chiaro, succulenti per cui in caso di bambini e di animali domestici, questi legumi vanno raccolti immediatamente e bruciati, in modo da non disperderli nell'ambiente.
Si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole o in posizioni parzialmente ombreggiate, avendo cura, per le piante giovani, di dotarle di sostegni fin quando non hanno attecchito definitivamente.

Parassiti vegetali: la pianta può essere attaccata da marciume radicale e in questo caso i fiori non si aprono completamente, le foglie ingialliscono e i rami seccano.

Laburnum (Maggiociondolo) alpinum: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia, alta 5-7 m e con una chioma del diametro di 3-4,5 m. Si tratta di un piccolo albero dalla chioma tondeggiante e foglie lucide, che con il trascorrere degli anni diventa molto nodoso. I fiori, riuniti in racemi lunghi 30 cm e più, sbocciano alla fine di maggio.
Laburnum (Maggiociondolo) anagyroides: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia. Si tratta di un piccolo albero che assume portamento espanso, con foglie verde scuro, leggermente tomentose. I fiori, riuniti in racemi lunghi 15-25 cm, sbocciano in maggio. Tra le varietà si ricordano Aureum con foglie che in settembre assumono un colore giallo delicato; Autumnale che spesso fiorisce una seconda volta in autunno; Pendulum che è una varietà pendula, di taglia ridotta.
Laburnum (Maggiociondolo) x watereri: pianta di origine orticola con caratteristiche simili al L.Alpinum e L.Anagyroides,  dai fiori riuniti in racemi sottili lunghi 25-30 cm che sbocciano alla fine di marzo. La varietà Vossii ha fiori tiuniti in racemi più lunghi che sbocciano continuamente.


riproduzione: si semina in ottobre, in vasi o terrine riempiti con una composta da semi, in cassone freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette e, successivamente, si trapiantano in vivaio, dove resteranno fino all'anno successivo quando andranno messe a dimora. Gli ibridi moltiplicati per seme danno luogo a piante dalle caratteristiche variabili, per cui vanno innestate a marza sulle altre specie in marzo.
esposizione:
fioritura: a marzo o a fine maggio a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Alchechengio (Physalis)

Alchechengio (Phisalis), genere che raggruppa diverse specie di piante erbacee o arbustive, appartenenti alla famiglia delle Solonacee, originarie sia dell’Asia che del Mediterraneo, sia del Sudamerica. Hanno la caratteristica ........

Dictamnus

Dictamnus, genere di 6 specie di piante erbacee, perenni, rustiche. La specie descritta è molto ornamentale, generalmente longeva, adatta per le bordure soleggiate. Non deve essere confusa con la specie annuale rustica Kochia ........

Ailanthus (Ailanto)
Ailanthus (Ailanto): genere di 8-9 specie di alberi rustici, dioici, a foglie decidue, originari dell'Asia centrale e dell'Australia. La specie descritta è impiegata soprattutto per i parchi e per i viali cittadini ........

Magnòlia (Magnolia)

La Magnòlia (Magnolia), originaria dell'Asia, America, Antille e Filippine comprende circa 80 specie ed è un Albero o arbusto a foglia sempreverde o caduca.
Le foglie sono di varia forma, più ........

Houstonia
Houstonia: genere di 50 specie di piante sempreverdi, perenni, rustiche, adatte per le zone fresche e umide dei giardini rocciosi.
La Houstonia si pianta in marzo-aprile in terreno umido, non ........

 

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Arnica

Arnica, genere di 32 specie di piante erbacee perenni, appartenenti alla famiglia delle Compositae, diffuse nelle zone temperate e artiche dell’emisfero boreale. Sono piante adatte per il giardino roccioso e per le bordure.
Cresce ........

Echinacea

Echinacea, genere di 3 specie di piante erbacee perenni, rustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure soleggiate e per la produzione di fiori da recidere.
Si piantano in ottobre o in marzo in pieno sole, in ........

Pennisetum (Penniseto)
Pennisetum (Penniseto): genere di 130 specie di graminacee perenni, semirustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure miste e possono essere utilizzate anche in composizioni di fiori secchi.
Si piantano ........

Nigella

Nigella, genere di 20 specie di piante annuali, rustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure e per la produzione di fiore da recidere. Hanno foglie molto divise, fiori appiattiti e frutti appariscenti.
Crescono ........

Lamarckia

Lamarckia, genere comprendente una sola specie erbacea, annuale, diffusa allo stato spontaneo nei paesi del bacino del Mediterraneo. Può essere utlizzata nelle bordure annuali e miste. Le infiorescenze possono essere seccate ........


alberi a foglia caduca Laburnum (Maggiociondolo)
Laburnum (Maggiociondolo)

Laburnum (Maggiociondolo), genere di 6 specie di alberi e arbusti rustici, a foglie decidue, che fioriscono in primavera. Si coltivano generalmente 2 specie e i loro ibridi, che hanno foglie trifogliate, con foglioline ovato-ellittiche, e fiori di colore giallo, leggermente profumati, riuniti in racemi. Tutte le parti di quest'albero sono velenosissime, in particolare i legumi, simili a fagioli color verde chiaro, succulenti per cui in caso di bambini e di animali domestici, questi legumi vanno raccolti immediatamente e bruciati, in modo da non disperderli nell'ambiente.
Si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole o in posizioni parzialmente ombreggiate, avendo cura, per le piante giovani, di dotarle di sostegni fin quando non hanno attecchito definitivamente.

Parassiti vegetali: la pianta può essere attaccata da marciume radicale e in questo caso i fiori non si aprono completamente, le foglie ingialliscono e i rami seccano.

Laburnum (Maggiociondolo) alpinum: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia, alta 5-7 m e con una chioma del diametro di 3-4,5 m. Si tratta di un piccolo albero dalla chioma tondeggiante e foglie lucide, che con il trascorrere degli anni diventa molto nodoso. I fiori, riuniti in racemi lunghi 30 cm e più, sbocciano alla fine di maggio.
Laburnum (Maggiociondolo) anagyroides: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia. Si tratta di un piccolo albero che assume portamento espanso, con foglie verde scuro, leggermente tomentose. I fiori, riuniti in racemi lunghi 15-25 cm, sbocciano in maggio. Tra le varietà si ricordano Aureum con foglie che in settembre assumono un colore giallo delicato; Autumnale che spesso fiorisce una seconda volta in autunno; Pendulum che è una varietà pendula, di taglia ridotta.
Laburnum (Maggiociondolo) x watereri: pianta di origine orticola con caratteristiche simili al L.Alpinum e L.Anagyroides,  dai fiori riuniti in racemi sottili lunghi 25-30 cm che sbocciano alla fine di marzo. La varietà Vossii ha fiori tiuniti in racemi più lunghi che sbocciano continuamente.


riproduzione: si semina in ottobre, in vasi o terrine riempiti con una composta da semi, in cassone freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette e, successivamente, si trapiantano in vivaio, dove resteranno fino all'anno successivo quando andranno messe a dimora. Gli ibridi moltiplicati per seme danno luogo a piante dalle caratteristiche variabili, per cui vanno innestate a marza sulle altre specie in marzo.
esposizione:
fioritura: a marzo o a fine maggio a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su