alberi a foglia caduca Carpinus (Carpino)
Carpinus (Carpino)

Carpinus (Carpino), genere di 35 specie di alberi a foglie decidue, distribuiti nell'emisfero settentrionale. Possono essere utilizzati sia come esemplari isolati sia per formare siepi e, per tale impiego, è particolarmente adatto il Carpino comune dal momento che sopporta bene continue potature. Queste piante hanno la caratteristica di mantenere le foglie vecchie fino al momento in cui compaiono le nuove. I fiori, unisessuali, sono riuniti in infiorescenze ad amento e di questi, i maschili sono verde-gialli, i femminili verdi.
Si piantano in novembre o in febbraio-marzo, in tutti i tipi di terreno, al sole o in posizine parzialmente onbreggiata. Per formare delle siepi, le piante giovani si dispongono alla distanza di 35-50 cm. Ogni anno è consigliabile fare una pacciamatura con terriccio di foglie o letame ben maturo.

Potatura: le piante nelle siepi si potano ogni anno in luglio all'altezza desiderata, ma nei primi anni la potatura deve essere moderata.

Parassiti vegetali: può essere attaccato dalla famigliola che colpisce l'apparato radicale portanto la pianta a deperire e a morire.

Carpinus (Carpino) betulus: Pianta originaria dell'Europa, Italia, Asia Minore e Persia, alta fino a 20 m e con una chioma del diametro di 4-8 m. Si tratta di una specie rustica, con corteccia grigia e chioma grande. Le foglie sono ovato-oblunghe, acuminate, doppiamente seghettate ai margini. In primavera compaiono sia le infiorescenze maschili che quelle femminili e, da queste ultime,  si formano le infruttescenze composte da frutti ad achenio, protetti da brattee trilobate. Diverse sono le varietà tra le quali si ricordano Fastigata a chioma piramidale; Incisa con foglie piccole profondamente dentate ai margini; Purpurea con foglie giovani color porpora; Pyramidalis, a crescita lenta e a chioma conica, adatta per spazi meno estesi.
Carpinus (Carpino) caroliniana: pianta originaria dell'America settentrionale, alta 6-12 m con una chioma del diametro di 3-5 m. Si tratta di un albero dalla corteccia grigia, fessurata, e foglie ovato-oblunghe, acuminate, che in autunno si colorano di rosso-arancio. Le infruttescenze sono simili alla specie precedente.
Carpinus (Carpino) japonica: pianta originaria del Giappone, alta 6-15 m e con chioma del diametro di 3-6 m. Si tratta di un albero o grande arbusto a portamento espanso, dalle foglie ovato-oblunghe, acuminate e con infruttescenze simili a quelle delle specie precedenti.


riproduzione: si semina in settembre-ottobre, in vivaio; nell'autunno successivo si effettua un trapianto, sempre in vivaio e si fanno crescere le piante per 3-4 anni prima di metterle definitivamente a dimora. I semi germinano irregolarmente e il più delle volte molto lentamente.
esposizione:
fioritura: primavera




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Chelone

Chelone, genere di 4 specie di piante erbacee, rustiche, perenni. I fiori, portati da fusti eretti, sono simili a quelli della Bocca di Leone. Le specie descritte sono adatte per le bordure erbacee e per le bordure miste.
Si ........

Magnòlia (Magnolia)

La Magnòlia (Magnolia), originaria dell'Asia, America, Antille e Filippine comprende circa 80 specie ed è un Albero o arbusto a foglia sempreverde o caduca.
Le foglie sono di varia forma, più ........

Astilbe (Astilbe)
L' Astilbe (Astilbe), originaria dell'Asia e dell'America Nord-orientale, comprende circa 25 specie ed è un'erbacea perenne, rizomatosa e rustica, alta da 40 cm a poco meno di 2 m a seconda della specie.

Lampone (Rubus Idaeus)

Lampone (Rubus Idaeus), pianta che cresce spontanea in tutta Europa, Italia compresa, e viene coltivata per i frutti, che sono utilizzati freschi o per la preparazione di succhi e marmellate. Può avere anche un impiego farmacologico, ........

Smilacina

Smilacina, genere di 25 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae. Le 2 specie descritte sono adatte per le zone boschive umide e ombreggiate.
Si piantano in ottobre o in ........

 

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Paliurus

Paliurus, genere di 2 specie di piante arbustive decidue, appartenenti alla famiglia delle Rhamnaceae, diffuse nelle regioni temperato-calde dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. La specie descritta, per il fatto di essere ........

Lagurus

Lagurus, genere comprendente una sola specie annuale, rustica, molto ornamentale, adatta per le bordure miste. Le infiorescenze possono esere seccate e impiegate per la preparazione di decorazioni floreali invernali.
Si ........


Halesia

Halesia, genere di 6 specie di alberi o arbusti a foglie decidue, originari dell'America settentrionale e della Cina. generalmente si coltivano solo le specie americane, molto ornamentali, con una bella fioritura primaverile.
Crescono ........

Rehmannia

Rehmannia, genere di 10 specie di piante perenni, semirustiche. La specie descritta può essere coltivata in serra fredda o all'aperto nelle regioni a clima particolarmente mite.
Questa pianta, coltivata all'aperto in ........


alberi a foglia caduca Carpinus (Carpino)
Carpinus (Carpino)

Carpinus (Carpino), genere di 35 specie di alberi a foglie decidue, distribuiti nell'emisfero settentrionale. Possono essere utilizzati sia come esemplari isolati sia per formare siepi e, per tale impiego, è particolarmente adatto il Carpino comune dal momento che sopporta bene continue potature. Queste piante hanno la caratteristica di mantenere le foglie vecchie fino al momento in cui compaiono le nuove. I fiori, unisessuali, sono riuniti in infiorescenze ad amento e di questi, i maschili sono verde-gialli, i femminili verdi.
Si piantano in novembre o in febbraio-marzo, in tutti i tipi di terreno, al sole o in posizine parzialmente onbreggiata. Per formare delle siepi, le piante giovani si dispongono alla distanza di 35-50 cm. Ogni anno è consigliabile fare una pacciamatura con terriccio di foglie o letame ben maturo.

Potatura: le piante nelle siepi si potano ogni anno in luglio all'altezza desiderata, ma nei primi anni la potatura deve essere moderata.

Parassiti vegetali: può essere attaccato dalla famigliola che colpisce l'apparato radicale portanto la pianta a deperire e a morire.

Carpinus (Carpino) betulus: Pianta originaria dell'Europa, Italia, Asia Minore e Persia, alta fino a 20 m e con una chioma del diametro di 4-8 m. Si tratta di una specie rustica, con corteccia grigia e chioma grande. Le foglie sono ovato-oblunghe, acuminate, doppiamente seghettate ai margini. In primavera compaiono sia le infiorescenze maschili che quelle femminili e, da queste ultime,  si formano le infruttescenze composte da frutti ad achenio, protetti da brattee trilobate. Diverse sono le varietà tra le quali si ricordano Fastigata a chioma piramidale; Incisa con foglie piccole profondamente dentate ai margini; Purpurea con foglie giovani color porpora; Pyramidalis, a crescita lenta e a chioma conica, adatta per spazi meno estesi.
Carpinus (Carpino) caroliniana: pianta originaria dell'America settentrionale, alta 6-12 m con una chioma del diametro di 3-5 m. Si tratta di un albero dalla corteccia grigia, fessurata, e foglie ovato-oblunghe, acuminate, che in autunno si colorano di rosso-arancio. Le infruttescenze sono simili alla specie precedente.
Carpinus (Carpino) japonica: pianta originaria del Giappone, alta 6-15 m e con chioma del diametro di 3-6 m. Si tratta di un albero o grande arbusto a portamento espanso, dalle foglie ovato-oblunghe, acuminate e con infruttescenze simili a quelle delle specie precedenti.


riproduzione: si semina in settembre-ottobre, in vivaio; nell'autunno successivo si effettua un trapianto, sempre in vivaio e si fanno crescere le piante per 3-4 anni prima di metterle definitivamente a dimora. I semi germinano irregolarmente e il più delle volte molto lentamente.
esposizione:
fioritura: primavera



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su