Parassiti Vegetali
Ruggine

Ruggine: con questo termine si intende un gruppo di malattie, causate da funghi, che hanno in comune la formazione di pustole, di solito giallastre o rossastre, sulle foglie e sui fusti. La ruggine bianca delle crucifere e la ruggine bianca delle composite, invece,  sono causate da un fungo di altro tipo, appartenente al genere Albugo,  e vanno considerate a parte.
La ruggine può essere presente in un gran numero di piante e fra queste ricordiamo gli Abies, l'asparago, le Artemisia, le Calendule, le Clematidi, le Campanule, i Dianthus , i Geranium, le Iris, il Lampone, la Malva, i Pelargonium, i Punus e la Rosa. Molti agenti delle ruggini, pur potendo mantenersi indefinitamente su un solo ospite, completano il loro ciclo biologico su di un ospite secondario che, di fatto, rappresentano una fonte molto pericolosa per il diffondersi dell'infezione.
La rugine non provoca quasi mai la morte iprovvisa dellacellula parassitizzata e, parimenti, anche le piante deperiscono lentamente, cosicchè  generalmente la possibilità di completare il loro ciclo. I danni consistono in una marcata minore produttività delle piante di interesse agrario, a causa dell'eccessiva perdita di acqua attraverso le ferite aperte dal fungo sulla pelle dell'ospite, in uno sviluppo vegetativo minore, nella defoliazione delle piante da frutto e nella deformazione delle piante ornamentali, come è il caso dei garofani e delle Clematidi, Clematidi che presentano ingorssamenti, nanismi e ipertrofie.
Lotta: distruggere gli ospiti intermedi che non abbiano importanza economica od ornamentale, utilizzare varietà resistenti al fungo e applicare trattamenti con anticrittogamici a base di ditiocarbammati.

 

 

 



Ononis

Ononis, genere di 75 specie di piante erbacee  e suffruticose, perenni e annuali, sempreverdi e decidue, adatte per le scarpate soleggiate e per il giardino roccioso. Hanno foglie trifogliate e fiori con corolla papilionacea.
Si ........

Maurandia

Maurandia, genere di 10 specie di piante perenni, rampicanti o striscianti, sempreverdi, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Scrophulariaceae. Le specie descritte possono essere coltivate all’aperto ........

Convòlvolo (Convolvolus)

Il Convòlvo (Convolvolus) è originario del bacino del Mediterraneo, comprende circa 200 specie ed è una pianta erbacea, rampicante annuale o perenne, talvolta semiarbustiva o cespugliosa.

Physostegia
La Physostegia è una pianta erbacea, rustica  perenne, originaria dell'America settentrionale, che comprende circa 15 specie e che ha fiori simili a quelli della Cocca di Leone, color rosa, malva ........

Leontopodium

Leontopodium, genere di 30 specie di piante erbacee, perenni e rustiche. La specie descritta cresce bene nei terreni calcarei, si moltiplica per seme ed è adatta per il giardino alpino. Può essere coltivata anche nei giardini ........

sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Euonymus (Evonymus – Evonimo)

Euonymus (Evonymus – Evonimo), genere di 176 specie di arbusti o alberi sempreverdi o decidui, appartenenti alla famiglia delle Celastraceae, con fiori insignificanti. Le specie decidue sono coltivate soprattutto ........

Pieris

Pieris, genere di 10 specie di arbusti fioriferi sempreverdi, rustici, a portamento compatto, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae, che vanno coltivati in terreno primo di calcare. In primavera producono fiori simili ........

Phalaris

Phalaris, genere di 20 specie di graminacee ornamentali, perenni e annuali, rustiche. La specie descritta si espande rapidamente da un rizoma strisciate e può diventare invadente. Sarà quindi necessario controllarla costantemente ........

Passiflora (fiore della passione)

Passiflora (Fiore della passione), genere di 500 specie di piante rampicanti fiorifere, appartenenti alla famiglia delle Passifloraceae, sempreverdi, vigorose, delicate, adatte per le zone a clima mite. La parte apicale ........

Chelone

Chelone, genere di 4 specie di piante erbacee, rustiche, perenni. I fiori, portati da fusti eretti, sono simili a quelli della Bocca di Leone. Le specie descritte sono adatte per le bordure erbacee e per le bordure miste.
Si ........



Parassiti Vegetali
Ruggine

Ruggine: con questo termine si intende un gruppo di malattie, causate da funghi, che hanno in comune la formazione di pustole, di solito giallastre o rossastre, sulle foglie e sui fusti. La ruggine bianca delle crucifere e la ruggine bianca delle composite, invece,  sono causate da un fungo di altro tipo, appartenente al genere Albugo,  e vanno considerate a parte.
La ruggine può essere presente in un gran numero di piante e fra queste ricordiamo gli Abies, l'asparago, le Artemisia, le Calendule, le Clematidi, le Campanule, i Dianthus , i Geranium, le Iris, il Lampone, la Malva, i Pelargonium, i Punus e la Rosa. Molti agenti delle ruggini, pur potendo mantenersi indefinitamente su un solo ospite, completano il loro ciclo biologico su di un ospite secondario che, di fatto, rappresentano una fonte molto pericolosa per il diffondersi dell'infezione.
La rugine non provoca quasi mai la morte iprovvisa dellacellula parassitizzata e, parimenti, anche le piante deperiscono lentamente, cosicchè  generalmente la possibilità di completare il loro ciclo. I danni consistono in una marcata minore produttività delle piante di interesse agrario, a causa dell'eccessiva perdita di acqua attraverso le ferite aperte dal fungo sulla pelle dell'ospite, in uno sviluppo vegetativo minore, nella defoliazione delle piante da frutto e nella deformazione delle piante ornamentali, come è il caso dei garofani e delle Clematidi, Clematidi che presentano ingorssamenti, nanismi e ipertrofie.
Lotta: distruggere gli ospiti intermedi che non abbiano importanza economica od ornamentale, utilizzare varietà resistenti al fungo e applicare trattamenti con anticrittogamici a base di ditiocarbammati.