Parassiti Vegetali
Necrosi dei rami dei fruttiferi (Erwinia amylovora

La Necrosi dei rami dei fruttiferi (Erwinia amylovora) è una malattia, di origine batterica, chiamata anche Colpo di Fuoco, che causa gravi danni al melo, al pero e alle rosacee ornamentali sia arboree che arbustive. Vengono attaccate solo le piante in vegetazione, in cui il batterio entra attraverso i fiori che diventano scuri; in seguito l'infezione si trasmette ai rametti e alle branche principali. Anche le foglie si scuriscono, mentre sui rami si sviluppano dei cancri.
Lotta: è necessario intervenire con la massima tempestività, per tagliare e bruciare le parti malate, prima che l'infezione si trasmetta a tutta la pianta. I tagli devono essere fatti almeno 50 cm sotto il punto in cui sono visibili i sintomi dell'attacco batterico.

 

 

 



Sambucus (Sambuco)

Sambucus (Sambuco), genere di 40 specie di arbusti o piccoli alberi rustici appartenenti alla famiglia delle Caprifoliaceae, a foglie decidue, imparipennate, con foglioline di forma variabile, da ovate a lanceolate. I fiori, ........

Gaillāardia (Gaillardia)
La Gaillàardia (Gaillardia) , originaria del Nor e Sud America, comprende circa 25 specie ed è una erbacea perenne e annuale, rustica e semirustica.
Le foglie sono di forma allungata, grossolanamente ........

Incarvėllea (Incarvillea)
La Incarvìllea (Incarvillea) , originaria della Cina, Tibet e Turkestan, comprende circa 15 specie ed è una pianta erbacea perenne, spesso con radici tuberizzate.
Le foglie possono essere semplici ........

Impatiens (Balsamina)
L' Impatiens (balsamina), genere composto da 500-600 specie, è originaria della Cina, Malesia, India tropicale e sbtropicale; è una erbacea annuale, ma ve ne sonoa nche di perenni, alta da 20 a ........

Libocedrus

Libocedrus, genere di conifere sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Cupressaceae, molto ornamentali, adatte per essere coltivate come esemplari isolati.
Crescono bene nei terreni fertili, umidi ma ben drenati, ........

sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine




Scabiosa

Scabiosa, genere di 100 specie di piante erbacee perenni ed annuali. Le specie descritte sono adatte per le bordure erbacee e miste. Hanno capolini con fiori del raggio sovrapposti, che circondano un grande disco centrale.  ........

Drosera

Drosera, genere di 100 specie di piante erbacee perenni, rizomatose, appartenenti alla famiglia delle Droseraceae, diffuse negli ambienti  molto umidi delle zone temperate e tropicali di tutti i continenti. Le specie ........

Convallaria (Mughetto)
Convallaria (Mughetto), genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, rustica. Questa pianta, molto nota, si sviluppa da un rizoma allungato, orizzontale, ramificato e, in condizioni adatte, si espande rapidamente. ........

Erysimum

Erysimum, genere di 100 specie di piante erbacee perenni, annuali e biennali, appartenenti alla famiglia delle Cruciferae, rustiche, simili alle violacciocche e, nonostante siano poco longeve, sono adatte alla coltivazione ........



Parassiti Vegetali
Necrosi dei rami dei fruttiferi (Erwinia amylovora

La Necrosi dei rami dei fruttiferi (Erwinia amylovora) è una malattia, di origine batterica, chiamata anche Colpo di Fuoco, che causa gravi danni al melo, al pero e alle rosacee ornamentali sia arboree che arbustive. Vengono attaccate solo le piante in vegetazione, in cui il batterio entra attraverso i fiori che diventano scuri; in seguito l'infezione si trasmette ai rametti e alle branche principali. Anche le foglie si scuriscono, mentre sui rami si sviluppano dei cancri.
Lotta: è necessario intervenire con la massima tempestività, per tagliare e bruciare le parti malate, prima che l'infezione si trasmetta a tutta la pianta. I tagli devono essere fatti almeno 50 cm sotto il punto in cui sono visibili i sintomi dell'attacco batterico.