articolo Giardino Progetta e realizza
Gli accostamenti di colore, una scelta difficile freccedomenica 18 marzo 2012

Gli accostamenti di colore sono una scelta difficile da effettuare, per cui è meglio tracciare su carta il progetto da realizzare a matita, in bianco e nero, per poi passare all'applicazione dei colori per cercare di simulare l'effetto finale. Operando in questo modo, è certamente più facile evitare errori, perchè un conto è cancellare con la gomma un risultato poco soddisfacente, ben altra coa è dover spostare le piante nel momento meno favorevole al trapianto.
Chiunque può decidere di accostare due o più piante particolarmente decorative che gli piaccia vedere vicine, oppure può apprezzare il portamento o il genere di una pianta mai vista prima, ma un bel giardino è fatto anche di aggiunte casuali. Gli accostamenti possono essere fatti in base a uno o più schemi, a secoda dell'elemento che si vuole evidenziare, si tratti delle dimensioni, della tonalità, della struttura oppure dei volumi, ma perchè questi siano interessanti e ben assortiti, è necessario fare delle prove, e la soluzione su carta resta sempre la migliore.

E' un po' quanto avviene in tutte le attività della vita, sia quelle di tutti i giorni che quelle in ambito lavorativo, per cui le scelte vanno fatte anche dopo aver consultato libri, riviste, siti web su server hosting, enciclopedie, insomma tutto ciò che può aiutare a fare le scelte giuste.
Le ragioni per cui nell'impiantare un giardino si devono considerare gli accostamenti di specie prima ancora di quelli di colore, sono infinite. Bisogna anche ricordare che i colori scuri sono meno visibili dei colori chiari che, ovviamente, spiccano di più e, inoltre, che il contrasto ripetuto continuamente non è per nulla riposante. Il giardino, così come il terrazzo anche se in dimensioni decisamente diverse, deve essere un luogo dove trascorrere del tempo in assoluto relax, per cui la sensazione che esso deve trasmettere deve essere di serentà, distensione. Quindi, vanno sempre evitati degli accostamenti un po' troppo arditi, ma bisogna cercare di realizzare tavolozze di colori complementari, ovvero di colori simili e non troppo contrastanti tra loro.

Potrebbe succedere, ad esempio, che due piante accostate nel modo che sembrerebbe più adatto risultino poi essere incompatibili tra loro anche se possono essere piante molto simili e al tempo stesso molto diverse, come accade per piante dalle stesse sfumature di verde, ad esempio, ma dalle proporzioni completamente differenti. Un esempio di questa situazione protrebbe essere dato dalle Bergenie accostate all'Eliotropio all'inizio della primavera. Le foglie di entrambe le specie sono grandi, robuste e tondeggianti, ma mentre le prime sono lucide, le seconde invece sono opache. Un altro accostamento di piante di questo tipo è dato dall'abbinamento della Francoa ramosa con la Dierame pulcherrima, due specie grandi, esili, che ondeggiando possono intrecciarsi mescolando le infiorescenze bianche con le campanule purpuree.

In un certo senso ci vuole organizzazione, in modo da accostare tra loro piante dello stesso tipo, un po' come avviene nelle notizie del giorno in cui si raggruppano le informazioni per tipologia. Nel bordo misto esistono per forza contrasti e accostamenti che di per se stessi potrebbero non essere compatibili, ma nell'insieme diventano gradevoli. Il segreto sta nel saper scegliere un motivo e farne quindi un tema. Il colore, che è indubbiamente il motivo dominante in un giardino, sia che sia rappresentato dai fiori, dal verde dell'erba, dal grigio dei lastricati o quant'altro,  deve tornare e ritornare nell'armonia dell'insieme, proprio come un singolo accordo nell'armonia di una composizione musicale. Solo così il giardino saprà acquisire una sua precisa personalità ed eleganza.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Pieris

Pieris, genere di 10 specie di arbusti fioriferi sempreverdi, rustici, a portamento compatto, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae, che vanno coltivati in terreno primo di calcare. In primavera producono fiori simili ........

Crinum

Crinum, genere di più di 100 specie di piante bulbose, delicate. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle zone a clima mite. Nell'Italia settentrionale si coltivano in vaso, portando le piante al ........

Ipomea (Campanella rampicante)

Ipomea (Campanella rampicante), genere di 500 specie di piante annuali e perenni, rampicanti e arbusti, delicati e semirustici. Le specie rampicanti descritte hanno fiori a forma di tromba. Sono abbastanza facili da coltivare, ........

Rehmannia

Rehmannia, genere di 10 specie di piante perenni, semirustiche. La specie descritta può essere coltivata in serra fredda o all'aperto nelle regioni a clima particolarmente mite.
Questa pianta, coltivata all'aperto in ........

Lavànda (Lavandula)
la Lavànda (Lavandula) , originaria del bacino del Mediterraneo, Isole Canarie e India, comprende circa 25 specie ed è un arbusto sempreverde, rustico.
Le foglie possono essere intere o composte, lineari, a margini ........

 

 

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....
sono presenti 498 piante
sono presenti 212 articoli

tutte le piante
annuali bulbose perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento
tecnica
frutteto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Eryngium (Eringio)

Eryngium (Eringio, genere di 230 specie di piante erbacee perenni, rustiche e delicate, appartenenti alla famiglia delle Umbelliferae. Le specie descritte sono adatte per le bordure e per formare gruppi di piante. Hanno ........

Puschkinia

Puschkinia, genere di 2 specie di piante bulbose, piccole, rustiche, originarie delle zone comprese fra Asia Minore e Afghanistan. La specie descritta si coltiva all'aperto, nei prati, nel giardino roccioso, nelle bordure ........

Minuartia

Minuartia, genere di 120 specie di piante erbacee perenni, annuali e di piccoli arbusti diffusi allo stato spontaneo nell'America settentrionale, in Cile, in Abissinia e nelle regioni himalayane. Si tratta di piante striscianti, ........

Briza

Briza, genere di 20 specie di graminaceae rustiche, annuali e perenni. Sono coltivate per le pannocchie, molto ornamentali, formate da spighette perlacee o bruno-purpuree, pendenti; si possono impiegare nelle composizini ........

Phormium

Phormium, genere di 2 specie di piante perenni, sempreverdi, semirustiche, coltivate per le foglie e i fiori tubolosi, molto ornamentali. La specie descritta cresce in tuti i terreni fertili. Queste piante possono essere ........

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....


 articolo Giardino Progetta e realizza
Gli accostamenti di colore, una scelta difficile freccedomenica 18 marzo 2012

Gli accostamenti di colore sono una scelta difficile da effettuare, per cui è meglio tracciare su carta il progetto da realizzare a matita, in bianco e nero, per poi passare all'applicazione dei colori per cercare di simulare l'effetto finale. Operando in questo modo, è certamente più facile evitare errori, perchè un conto è cancellare con la gomma un risultato poco soddisfacente, ben altra coa è dover spostare le piante nel momento meno favorevole al trapianto.
Chiunque può decidere di accostare due o più piante particolarmente decorative che gli piaccia vedere vicine, oppure può apprezzare il portamento o il genere di una pianta mai vista prima, ma un bel giardino è fatto anche di aggiunte casuali. Gli accostamenti possono essere fatti in base a uno o più schemi, a secoda dell'elemento che si vuole evidenziare, si tratti delle dimensioni, della tonalità, della struttura oppure dei volumi, ma perchè questi siano interessanti e ben assortiti, è necessario fare delle prove, e la soluzione su carta resta sempre la migliore.

E' un po' quanto avviene in tutte le attività della vita, sia quelle di tutti i giorni che quelle in ambito lavorativo, per cui le scelte vanno fatte anche dopo aver consultato libri, riviste, siti web su server hosting, enciclopedie, insomma tutto ciò che può aiutare a fare le scelte giuste.
Le ragioni per cui nell'impiantare un giardino si devono considerare gli accostamenti di specie prima ancora di quelli di colore, sono infinite. Bisogna anche ricordare che i colori scuri sono meno visibili dei colori chiari che, ovviamente, spiccano di più e, inoltre, che il contrasto ripetuto continuamente non è per nulla riposante. Il giardino, così come il terrazzo anche se in dimensioni decisamente diverse, deve essere un luogo dove trascorrere del tempo in assoluto relax, per cui la sensazione che esso deve trasmettere deve essere di serentà, distensione. Quindi, vanno sempre evitati degli accostamenti un po' troppo arditi, ma bisogna cercare di realizzare tavolozze di colori complementari, ovvero di colori simili e non troppo contrastanti tra loro.

Potrebbe succedere, ad esempio, che due piante accostate nel modo che sembrerebbe più adatto risultino poi essere incompatibili tra loro anche se possono essere piante molto simili e al tempo stesso molto diverse, come accade per piante dalle stesse sfumature di verde, ad esempio, ma dalle proporzioni completamente differenti. Un esempio di questa situazione protrebbe essere dato dalle Bergenie accostate all'Eliotropio all'inizio della primavera. Le foglie di entrambe le specie sono grandi, robuste e tondeggianti, ma mentre le prime sono lucide, le seconde invece sono opache. Un altro accostamento di piante di questo tipo è dato dall'abbinamento della Francoa ramosa con la Dierame pulcherrima, due specie grandi, esili, che ondeggiando possono intrecciarsi mescolando le infiorescenze bianche con le campanule purpuree.

In un certo senso ci vuole organizzazione, in modo da accostare tra loro piante dello stesso tipo, un po' come avviene nelle notizie del giorno in cui si raggruppano le informazioni per tipologia. Nel bordo misto esistono per forza contrasti e accostamenti che di per se stessi potrebbero non essere compatibili, ma nell'insieme diventano gradevoli. Il segreto sta nel saper scegliere un motivo e farne quindi un tema. Il colore, che è indubbiamente il motivo dominante in un giardino, sia che sia rappresentato dai fiori, dal verde dell'erba, dal grigio dei lastricati o quant'altro,  deve tornare e ritornare nell'armonia dell'insieme, proprio come un singolo accordo nell'armonia di una composizione musicale. Solo così il giardino saprà acquisire una sua precisa personalità ed eleganza.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: